DOVE MI TROVO:  Nimbus Web » Attualità » Moncalieri: Centennial Observing Station


LA WMO NOMINA L'OSSERVATORIO DI MONCALIERI
"CENTENNIAL OBSERVING STATION"

      03.07.2018 - SMI/Redazione Nimbus

La World Meteorological Organization, con risoluzione approvata il
13 giugno 2018 dal Segretario Generale Petteri Talaas, ha riconosciuto all'osservatorio SMI del Collegio Carlo Alberto di Moncalieri la prestigiosa qualifica di "Centennial Observing Station".

La capannina meteorologica (Schermo di Stevenson) nello storico sito di misura sulla facciata Nord del Collegio Carlo Alberto di Moncalieri: qui le temperature vengono misurate con continuità e senza spostamento degli strumenti
dal 1865 (primi rilievi sperimentali nel 1859), anno in cui padre Francesco Denza fondò la Società Meteorologica Italiana.
Oggi la serie di dati viene mantenuta con sensori elettronici tarati e controllati in collaborazione con l'Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica (INRiM, Torino) nell'ambito del progetto europeo MeteoMet per la riferibilità internazionale
delle misure meteorologiche.

 


Il riconoscimento è avvenuto nell'ambito di un programma internazionale con cui la WMO intende promuovere e sottolineare l'importanza degli antichi osservatori meteorologici storici - aventi serie di dati omogenea e almeno centennale - per il monitoraggio meteo-climatico a lungo termine, oggi così importante per quantificare l'entità del riscaldamento globale.

L'Advisory Board della WMO ha dunque valutato positivamente l'assetto tecnico-scientifico del sito di misura ultrasecolare di Moncalieri (sulla cui affidabilità oggi sorveglia anche l'Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica nell'ambito del progetto MeteoMet), nonché l'inconsueto intreccio con l'eredità storico-culturale del Collegio Carlo Alberto.

La nomina è giunta anche per altri quattro osservatori storici italiani (Pesaro-Valerio, Urbino-Serpieri, Firenze-Ximeniano, e Vigna di Valle) nonché per 51 stazioni nel resto del mondo, dalla base delle Orcadi Australi (Argentina) all'osservatorio del Clementinum di Praga, dopo che una prima lista di Centennial Observing Stations era già stata presentata nel maggio 2017.

La SMI e l'osservatorio di Moncalieri, con la partecipazione del presidente Luca Mercalli, avevano già contribuito, su richiesta della WMO, alla realizzazione del video di lancio dell'iniziativa nel 2016, ripreso anche nel documentario del progetto "Meteomet" (vedi al minuto 18:20).

La qualifica verrà sancita con l'invio di un'apposita targa e di un certificato che verranno esposti nei locali dell'osservatorio, e sarà l'occasione per proporre nei prossimi mesi un evento scientifico dedicato al ruolo degli antichi osservatori in Italia, in località e data da definire, in collaborazione con le altre istituzioni che hanno ottenuto il riconoscimento.


Strumenti meteorologici automatici (termometri, e piranometri per la misura della radiazione solare globale) sulla terrazza sommitale dell'osservatorio di Moncalieri, attivi parallelamente a quelli che mantengono la serie storica in capannina meteorologica.

Un ringraziamento a Maria Carmen Beltrano (già ricercatrice del CREA, Roma) che - in collaborazione con l'Aeronautica Militare, Rappresentante Permanente dell'Italia presso la WMO - ha coordinato la presentazione delle istanze degli osservatori italiani candidati al titolo di Centennial Observing Stations.

 


Torna indietro

Guida al   sito    |    Contattaci    |    Segnala il sito    |   Credits    |   Copyrights