DOVE MI TROVO:  Nimbus Web » Climapark Piantonetto (Valle Orco, Gran Paradiso)


CLIMAPARK PIANTONETTO (VALLE ORCO, GRAN PARADISO):
ESPOSIZIONE PERMANENTE E centro DI DIDATTICA
SU CLIMA E GHIACCIAI DEL
PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO
 


Domenica 17 luglio 2022, in atmosfera per lo più nuvolosa ma troppo calda per l'estate alpina, è stato inaugurato presso la diga del Telessio (1917 m, Valle Orco - Torino) il centro di esposizione e didattica "Climapark Piantonetto", dedicato a clima e ghiacciai del Parco nazionale Gran Paradiso.

La testata del Vallone di Piantonetto con la diga e l'invaso IREN del Telessio.
Oltre la cresta montuosa sullo sfondo (con il Becco Meridionale della Tribolazione a sinistra, 3360 m, e la Torre del Gran San Pietro a destra, 3692 m)
si trova la Valle di Cogne (foto del 26 ottobre 2015).


Il Climapark è ospitato all'interno di un edificio costruito a fine Anni 1950 in occasione dell'inaugurazione della diga (1959), e ora rifunzionalizzato dopo oltre mezzo secolo di abbandono grazie a finanziamenti della Regione Piemonte, nonché dell'Ente Parco nel quadro del programma triennale "Interventi volti alla valorizzazione e promozione della ricettività e del turismo nel versante piemontese del Parco nazionale Gran Paradiso".

 

L'edificio che ospita il Climapark, a pochi metri dalla diga del Telessio
(quota 1917 m).
 

Un'apposita convenzione siglata nel 2017 tra Comune di Locana, IREN Energia, Parco nazionale Gran Paradiso e Società Meteorologica Italiana, enti promotori dell'iniziativa, ha poi permesso di adibire i locali a luogo espositivo e formativo sui temi del clima e dei cambiamenti climatici, dei ghiacciai e della ricerca scientifica/ambientale nell'area protetta.

L'esposizione è costituita da pannelli divulgativi dedicati agli elementi rappresentativi del clima locale (radiazione solare, temperature, precipitazioni e alluvioni, neve e valanghe...), dei ghiacciai, della biodiversità e delle acque, e delle loro variazioni imposte dai cambiamenti climatici in corso.

Un monitor proietta una sequenza di video realizzati durante le campagne di monitoraggio del vicino Ghiacciaio Ciardoney, e un totem multimediale permette inoltre di accedere in tempo reale a risorse meteo-climatiche, webcam e grafici aggiornati sull'andamento climatico e glaciologico sul Gran Paradiso.

Il coordinamento tecnico e il progetto grafico dell'allestimento sono stati curati da Stefano Camanni e Maurizio Buffa di Arnica Progettazione Ambientale (Torino), cooperativa specializzata in divulgazione scientifica, progettazione ed educazione ambientale dal 1989, mentre i contenuti scientifici sono di Luca Mercalli e Daniele Cat Berro della Società Meteorologica Italiana.
 


Apertura al pubblico
(limitata al periodo estivo)

sabato e domenica ore 13:00 - 16:30
giorni feriali: su richiesta, solo nel pomeriggio,
rivolgendosi ai guardiani della diga

Ingresso libero e gratuito
 

Come raggiungere il Climapark

La diga del Telessio e il Climapark si raggiungono in circa mezz'ora d'auto da Rosone (Valle Orco, Torino) lungo una strada di montagna in gran parte asfaltata ma da percorrere con cautela. Aperta solo nel periodo estivo, e sconsigliabile in caso di avversità atmosferiche.

Guarda la webcam installata dal Comune di Locana sulla terrazza del Climapark,
con vista sulla diga e l'invaso, e la testata del Vallone di Piantonetto.


La sala espositiva del Climapark: i pannelli didattici (teli in plastica riciclata) sono montati su strutture mobili in legno che richiamano la forma delle montagne, idea dell'architetto Maurizio Buffa (Arnica). Sono facilmente amovibili per lasciar spazio a circa 40 posti a sedere in caso di eventi e conferenze.
 

Il totem multimediale (in alto) e l'esposizione di oggetti legati al Ghiacciaio Ciardoney
e al suo monitoraggio (in basso).
 

Alcune immagini dell'inaugurazione del 17 luglio 2022 (f. Fabrizio Gaudio/IREN Energia e Daniele Cat Berro/SMI). Qui sopra, gli oltre cinquanta partecipanti radunati nel salone eventi/esposizione.
 



Dall'alto al basso, i saluti istituzionali di Italo Cerise (presidente del Parco nazionale Gran Paradiso), Mauro Peruzzo - Cornetto (sindaco di Locana) e
Giuseppe Bergesio
(amministratore delegato IREN Energia).
 

Gli interventi di Ezio Tuberosa (amministratore del Comune di Locana e da sempre instancabile sostenitore della realizzazione del Climapark) sulla storia dell'edificio e della sua rifunzionalizzazione, di Luca Mercalli (presidente Società Meteorologica Italiana) su quarant'anni di ricerca scientifica nel Parco e il ruolo di Climapark per la divulgazione ambientale, e di Daniele Cat Berro (SMI) sullo straordinario periodo caldo e secco del 2022.


Infine, il taglio del nastro al termine dell'evento: in primo piano, da sinistra a destra, Luca Mercalli, Giuseppe Bergesio, Italo Cerise, Mauro Peruzzo - Cornetto,
Daniele Cat Berro e Nicola Brizzo (Direttore Produzione Idroelettrica Iren Energia).


MUSEI GLACIOLOGICI: SOLO TRE IN ITALIA

Il Climapark Piantonetto riprende e amplia a tutto il Parco nazionale Gran Paradiso la proposta espositiva già sperimentata a partire dal 2002 con l'allestimento del Glaciomuseo del Serrù, realizzato sempre in alta Valle Orco da Società Meteorologica Italiana e Arnica Progettazione Ambientale, con il sostegno del Comune di Ceresole Reale e di IREN Energia.

Si tratta degli unici centri didattici espressamente dedicati al clima alpino e ai ghiacciai in Italia, oltre al Centro Glaciologico "Julius Payer" della SAT - Società degli Alpinisti Tridentini in Val di Genova, Adamello.

 

Dell'inaugurazione del Climapark hanno parlato le agenzie di stampa
Adnkronos e ANSA.

 


Torna indietro

Guida al   sito    |    Contattaci    |    Segnala il sito    |   Credits    |   Copyrights