DOVE MI TROVO: Nimbus WebClimatologia locale ╗ Primavera 2017 a Torino

logoverticale 3.gif (13804 byte)

Torna alla Home page
Torna indietro
Inviaci una email


RIVISTA DI METEOROLOGIA, CLIMA E GHIACCIAI
  

ATLANTE
DELLE NUBI

Poster 70x100 cm
posternubi.gif (22183 byte)

meteolabfrontipiccolo.gif (11746 byte)
METEOLAB CD
Corso multimediale di meteorologia


PRIMAVERA 2017: TERZA PIU' CALDA DAL 1753 A TORINO


Daniele Cat Berro, SMI / Redazione Nimbus
1░ giugno 2017


Nonostante il temporaneo ritorno di condizioni fresche (con gelate tardive) tra metÓ aprile e inizio maggio, la primavera 2017 nel suo insieme Ŕ stata la terza pi¨ calda dal 1753 sulla pianura torinese.

A Torino-centro la temperatura media del trimestre marzo-maggio Ŕ stata di 15,5 ░C, 1,7 ░C sopra la media 1981-2010, superata solo dai casi recenti del 2007 (16,2 ░C) e del 2011 (15,7 ░C), e pari merito con il 1997.

A tale anomalia hanno contribuito soprattutto gli straordinari tepori anticipati di marzo (scarto della Tmed mensile: +2,7 ░C), e in misura minore quelli di aprile (+1,5 ░C) e maggio (+1,0 ░C).

Serie storica delle temperature medie primaverili (trimestre marzo-maggio)
a Torino-centro. In grigio, la linea della media mobile ponderata su 9 anni.


E' stata inoltre una stagione piuttosto asciutta, con un totale di 167 mm di pioggia nel trimestre alla stazione ARPA Piemonte di via della Consolata, pari al 62% della media 1981-2010. Per trovare una primavera pi¨ asciutta a Torino occorre tornare al 2006 (88 mm), ma ben peggiori furono casi pi¨ lontani nel tempo, come la primavera 1955 (25 mm) o 1997 (23 mm).

Tuttavia in generale la disponibilitÓ d'acqua sotto forma di neve alle alte quote delle Alpi occidentali Ŕ buona dopo un autunno-inverno 2016-17 ricco di nevicate.

 

Serie storica delle precipitazioni primaverili (trimestre marzo-maggio)
a Torino-centro. In grigio, la linea della media mobile ponderata su 9 anni.

La causa di una primavera calda e relativamente avara di precipitazioni Ŕ attribuibile all'anomala persistenza di anticicloni sull'Europa occidentale (condizioni decisamente calde e secche nel Regno Unito).
Il Nord-Ovest italiano si Ŕ dunque trovato frequentemente in condizioni asciutte, in alta pressione (con contributo di aria calda nord-africana) o oppure sottovento alle Alpi durante i periodi con correnti settentrionali.

Anomalie del geopotenziale alla superficie isobarica di 500 hPa nel trimestre marzo-maggio 2017 in Europa. Evidente la presenza di campi di pressione pi¨ elevata del normale alle quote di circa 5500 m sopra l'Europa occidentale, in parte anche sul Nord Italia, situazione che ha inibito i lunghi periodi perturbati, a vantaggio di condizioni pi¨ soleggiate, calde e asciutte, anche se sulle Alpi occidentali non sono mancate alcune intense nevicate tra fine marzo, aprile e inizio maggio (Fonte: ESRL-NOAA).
 



Devolvi il 5 per mille alla SMI!
Sosterrai le ricerche su scienze dell'atmosfera, clima e ghiacciai,
e la salvaguardia degli osservatori meteorologici storici



 


Torna indietro

Guida al   sito    |    Contattaci    |    Segnala il sito    |   Credits    |   Copyrights